StartUP della Pastorale Giovanile 2020

Cambia Me, cambia Te

Il Tema unitario di questo nuovo anno pastorale, è un invito ad un’azione di conversione che chiede di essere compiuta ogni giorno. È necessario lasciarsi attrarre da un perpetuo desiderio di ri-conversione per essere in grado di cogliere la perenne novità portata dal Vangelo, anche oggi, anche dopo più di 2000 anni.
La grande novità di quest’anno, per la nostra pastorale giovanile, è di ri-scoprirsi finalmente città, non più sei oratori in Settimo ma piuttosto un grande oratorio diffuso1 in tutta la città. Questa novità non deriva dal fatto di aver cambiato la struttura dei nostri oratori accentrando tutte (o quasi) le attività giovanili in un unico centro, come d’altronde accade in altre realtà diocesane, ma piuttosto nel saper rileggere oggi i segni di un cammino lungo quasi dieci anni e che ci ha condotti fino a qui. Rileggere oggi la presenza di ben sei centri giovanili parrocchiali in un’unica città è una ricchezza inestimabile, un grande tesoro in un campo2, parafrasando il Vangelo, per cui vale la pena di “rinunciare a tutto” pur di possederlo.
In estrema sintesi è questa la grande novità di quest’anno, che è una buona notizia per tutti: Oratori di Settimo Torinese – APS, è espressione di tutti gli oratori della nostra città, non una somma delle singole realtà ma semmai una moltiplicazione dei singoli carismi e delle singole decennali storie che i nostri oratori posseggono. Questa nuova entità, che è frutto della comunione (non dell’unione!) fra tutte le realtà giovanili parrocchiali della nostra città, già ora sta portando frutto:

  • nuovi progetti di chiesa in uscita, tanto auspicata da Papa Francesco, stanno già nascendo oggi;
  • una maggiore attenzione alla persona, che rimane il centro di ogni nostra azione guidata sempre dal Vangelo, nello stile della prossimità3;
  • ed infine un’apertura ed un’attenzione alla città tutta, collaborando e costruendo rete sul nostro territorio con chiunque condivida la nostra attenzione al mondo giovanile.

A margine di tutto questo, ma non meno importante, è il cambio di visione della responsabilità della Pastorale Giovanile che, con la nuova organizzazione, vede i giovani finalmente e realmente investiti nei ruoli di responsabilità in tutti gli ambiti e in prima persona.

Sarà dunque una StartUP colma di buone e belle notizie, rivolta principalmente ai giovani e agli educatori, ma aperta a tutti. Un momento di incontro e di ascolto che si propone di coinvolgere tutti i partecipanti in questo grande cambiamento che riguarda l’intera nostra Unità Pastorale e di cui i giovani saranno i primi a compiere questo importante passo verso una Pastorale cittadina integrata.

Riscoprirsi parte della stessa città per aprirsi al mondo!

 

In allegato è possibile consultare il manifesto con il programma dettagliato della serata.

Start UP 2020 – Manifesto

 


  1. Dal documento base di Oratori di Settimo: “Oratori di Settimo Torinese come luogo diffuso che rappresenta le realtà cattoliche della città di Settimo Torinese (UP28, comunità parrocchiali e associazioni), un luogo non solo del fare ma «capace di lasciarsi provocare e mettere in discussione dalle urgenze e dai bisogni del proprio tempo», nel pensiero e nel prendersi cura. È espressione della comunità educante in quanto Coordinamento della Pastorale Giovanile di unità pastorale
  2.  Mt 13, 45-46 – il campo, a cui si allude in questo caso, è la nostra città di Settimo Torinese
  3. Lo stile della prossimità inteso come un camminare accanto ai giovani nello stile di Gesù con i discepoli di Emmaus (Lc 24, 13-53)